Sunday, January 28, 2007

Rossetti Gomme - Green Bombers 0-0

Sul campo "lungo-corto" (copyright Mr. Rusconi) di Arluno, i biancoverdi si presentano con un obiettivo chiaro in testa: conquistare i primi punti lontani dal terreno amico di Castellanza, possibilmente con una vittoria.
Il mister schiera un'inedita difesa a 4, motivata dall'effettiva larghezza ridotta del campo, con Oliva libero, Peluso a sinistra, Loi tornato in difesa al centro e Tomeo a destra. Falli e Comincio in mezzo al campo, Spezia a sinistra, il folletto Gadda a destra, Giacomo e Cicciogol duo d'attacco.
La partita ha inizio e i GB non soffrono particolarmente il gioco dell'avversario, ma si presentano stranamente poco decisi su tutti i palloni: interventi leggeri, mai convinti fino in fondo, che finiscono per creare alcuni (potenziali) pericoli e per impedirci di imbastire azioni offensive veramente incisive.
Nel primo tempo comunque gli avversari, pur mostrando un certo predominio territoriale, riescono a indirizzare in porta una sola volta, di testa, collezionando poi 3-4 conclusioni a lato.
L'intervallo vede arrivare il momento di Aniorte, che si sistema sulla tre quarti: offrirà una prova molto convincente, dal limite della nostra area al cuore di quella avversaria.
Ora il pallino del gioco è passato ai biancoverdi, che premono con una certa insistenza anche se permane quella strana "mollezza" di fondo e l'incapacità di imporre il nostro ritmo al Rossetti Gomme, che sicuramente si sarebbe trovato in grave difficoltà se fosse stato aggredito con grande convizione.
Ciononostante abbiamo molte occasioni: prima Aniorte e poi Giacomo si presentano soli davanti al portiere, ma la palla finisce fuori, poi due punizioni parate dall'estremo difensore avversario, strepitoso sulla seconda.
In difesa intanto problemi non ne corriamo, se non sui cross: in ben tre occasioni (su tre!) sono gli attaccanti avversari a riuscire a colpire, per fortuna senza gravi conseguenze!
La partita si avvia alla conclusione, con i GB abbastanza padroni del campo, ma gli ultimi tre minuti ci riservano brividi: prima una violenta botta sul primo palo, che riesco a deviare in angolo, e poi il "tiro dell'Ave Maria" dell'attaccante avversario che ci aveva steso all'andata (se ben ricordo), con parabola stranissima che va a incocciare nella parte alta dell'incrocio dei pali opposto. Meno male, sarebbe stata una beffa!
Finisce così, con quattro (o cinque?) ammoniti, la gioia per il secondo risultato utile consecutivo, per aver fatto punti lontano da "casa" e per non averne subiti. In tutti e tre i casi, non era mai successo prima.
Usciamo così da due partite che dovevamo (potevamo) vincere con due pareggi. Non possiamo essere pienamente soddisfatti, ma dobbiamo guardare con ottimismo ai miglioramenti della squadra, che è riuscita ad affrontare i due incontri con la giusta concentrazione e che riesce a essere più "concreta" una partita dopo l'altra.
Adesso arrivano Compass e Stomp: saranno un bel banco di prova! Forza GB!

2 Comments:

At 1:46 PM , Blogger alegalli said...

Davide, almeno i nomi dei compagni... Non so cosa si celi di torbido dietro quel "Falli" al posto di "Galli", ma pure Marco si chiama "SpIezia" e non "Spezia". :)

 
At 2:00 PM , Blogger dirigenza said...

Si cela una certa fretta di scrivere :-D
Lascerò gli errori lì, a imperitura memoria :-D
Davide

 

Post a Comment

Subscribe to Post Comments [Atom]

<< Home